“Dubitando ad veritatem pervenimus”

Verità dovrebbe essere il motto di chi intende far notizia e diffondere i fatti.
Chiunque rilasci informazioni ha un intento. Alcuni riportano i fatti in modo fedele e coerente con il principio di veridicità altri, invece, ne danno una proprio visione che trascende il reale.
Resta implicito che la verità non è sempre ciò che piace sentire. Il più delle volte la realtà non lascia spazio alle illusioni e tradisce le aspettative. Si tende ad ascoltare con maggior interesse ciò che meglio si sposa con le nostre aspettative, che si lega ai nostri ideali e che dia conferme ai nostri sospetti. Questo ci fa sentire partecipi e coinvolti.
Più le notizie riferiscono fatti anomali, più suscitano clamore di pubblico. Ultimamente le persone attingono informazioni direttamente dai mass-media senza minimamente informarsi da altre fonti e senza confrontarsi costruttivamente con chi ha basi culturali più solide. Precaria istruzione e bassa criticità si miscelano a malesseri sociali, politici e psicologici. Internet e televisione si sostituiscono ai corsi di studio ed alla buona cultura.
Bisognerebbe indagare a fondo su chi riporta i fatti e scoprire l’effetto che la notizia potrebbe sortire.
Cattiva informazione e cattivo scambio dell’informazione generano sempre un quadro distorto.

Immagine
Ci arrivano parecchie segnalazioni relative a persone che si sentono vittime inconsapevoli di maghi e streghe che spacciano rimedi sostituendosi a medici e psicologi. Il concetto di vittima è decisamente personale ma non può dirsi tale colui che non si informa e non pensa prima di agire.  Maggiormente di fronte ad un evidente raggiro dove si vede dichiarato, a parole esplicite, che il mago in questione non ha nessuna professionalità certificata da un ente scolastico riconosciuto. Le persone che cadono nella rete di questi “venditori”  non sono vittime ma sprovveduti.
Capita che alcune persone, in un momento di debolezza o di crisi, si mettano in contatto con strani individui che fondano la propria fortuna economica abusando della credenza popolare e della buona fede del prossimo. Vengono proposti rimedi sconosciuti, riti discutibili, amuleti confezionati ad arte e anche esorcismi.
Il barlume del buonsenso si attiva non appena viene proposta “l’offerta di pagamento” della prestazione o dei materiali utilizzati. Ecco che allora il mago/a viene additato dallo sprovveduto che pretendendo riscatto morale attiva il bisogno di vendetta. Per farlo cerca l’aiuto di altri  coinvolgendoli  nella vicenda. Il raggirato racconterà la sua storia chiedendo di mantenere l’anonimato e sperando di suscitare l’interesse di note trasmissioni televisive per smascherare la possibile truffa auspicandosi che qualcuno vada sul posto a screditare e sculacciare il buontempone.
______________________________________________
Non funziona così. Prima di tutto bisogna, nel dubbio, chiedere consiglio a dei professionisti. In secondo luogo le chiacchiere non costituiscono prove. Anche se ci si infiltrasse come potenziali clienti non si otterrebbero che le medesime informazioni. Un reato di raggiro esiste ma senza prove non si può fare nulla. L’unica cosa che si può fare è consigliare a queste ignare “vittime” d’informarsi prima!
La vita è difficile e nessuno ha rimedi pronto uso per i mali. Il destino si costruisce con le scelte personali, alcune son corrette altre son sbagliate. Accettare lo sbaglio è sicuramente il primo passo verso un destino migliore.
______________________________________________
Vi ricordiamo che questi maghi hanno tanto di curriculum inappropriato in cui vengono riportate parole bizzarre.
Come si fa ad affidare i propri mali nelle mani di persone che promettono riti e discutibili rimedi che non hanno alcuna valenza scientifica e certificata?

A maghi e stregoni vari diciamo: non state facendo del bene, in qualsiasi forma la vogliate raccontare, non siete qualificati, siete completamente antiscientifici e amorali.

http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=274624

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...